La storia

Una breve panoramica della storia dei monti Altai.
Epoca primitiva.
Il territorio della Siberia era già popolato nell’Età della Pietra, durante il periodo delle glaciazioni, più di 40 mila anni fa. Lo testimoniano i reperti archeologici di rudimentali strumenti di pietra trovati nel territorio degli  Altai. Le prime tribù martriarcali dedite alla caccia comparvero alla fine dell’era glaciale.

Dopo il ritiro dei ghiacci dal territorio siberiano, il clima divenne più caldo e umido, la terra si ricoprì di taiga. I grandi animali si estinsero o migrarono più a nord. Furono inventati arco e frecce con punte di pietra scheggiata, per cacciare i piccoli animali. Cominciò la nuova età della pietra.

Negli accampamenti neolitici (6 – 4 millenni a. C.) rinvenuti nella valle dell’ Ob’ nei pressi di Kiprino, vicino alla cittadina di Bijsk, e in altre zone presso Gorno-Altai sono state trovate pietre levigate, asce, coltelli, punte di freccia, frammenti di ceramica. La popolazione cominciò a dedicarsi all’allevamento del bestiame, costruì capanne di fango. Nacquero in questo periodo le credenze e i primi rudimenti dell’arte.

La comparsa самородных metalli ha portato a cambiamenti nella vita degli uomini antichi nelle terre siberiane. Da pezzi di rame sono state fatte aghi, punte, coltelli. Con oro e argento si facevano decorazioni. Insieme con самородными si applicano i metalli, выплавленные dei minerali e loro leghe. La comparsa di metalli più duri soppiantò gli strumenti di pietra – ebbe inizio l’età del bronzo.

Nel XVI – XIV secolo a. c. nel territorio della Siberia confluirono nuove tribù provenienti dell’attuale Kazakhstan. Il ruolo della caccia passa in secondo piano, comincia lo sviluppo dell’allevamento, della pastorizia, della pesca e dell’ agricoltura. Accampamenti e cimiteri di questo periodo sono stati rinvenuti nei pressi di Кытманово, Bassa Суетка, Чаузово.

Lo sviluppo della pastorizia ha rafforzato il ruolo degli uomini nella tribù. È iniziato il graduale passaggio al patriarcato. Le tribù cominciano a cambiare habitat. In primavera, dopo aver effettuato le colture invernali,  i pastori si trasferivano sui pascoli estivi. In autunno tornavano, mietevano il raccolto e стравливали i pascoli invernali.

L’allevamento del bestiame richiedeva significative quantità di cibo di mangime, così la popolazione cominciò a cambiare i luoghi dei pascoli стойбищ più frequentemente. Cominciò il periodo dei primi nomadi che si protrasse fino al I secolo d. c.

Era feudale

Agli albori della nascita delle classi e degli stati nel III secolo a. c., nel territorio della Transbaikalia e della Mongolia fu costituito l’ enorme regno degli unni. Dopo il suo crollo nel I secolo d. c. le tribù degli unni emigrarono verso l’Europa, in parte si installarono lungo tutto il percorso. Gli unni rimasti sul territorio dell’Asia Centrale (tribù dei Tele e dei Tiuki – antichi turchi) furono gli antenati di molti popoli, tra i quali anche il popolo degli Altai.

A metà del VI secolo le tribù turche, che per lungo tempo si trovarono sotto il giogo dei Rouran (nomadi di etnia mongola) si liberarono e costituirono il Khanato Turco con centro negli Altai.

Durante le migrazioni nomadi , le guerre intestine e i rimescolamenti tribali, sul territorio degli Altai nel X – XII secolo si formarono le tribù che caratterizzano tuttora la popolazione altaica: Teleuti, Cumandini, Telenghiti, Tubalari.

Nel periodo dal 1206 al 1207 l’Orda d’Oro soggiogò le tribù degli Altai.  I conquistatori Mongolo-tartari si impadronironi del cibo e del bestiame per il loro esercito, indebolendo il popolo altaico. In seguito, dall’Orda d’Oro, si separarono i principati che si insediarono a est degli Urali, formando l’ Orda Bianca, che a sua volta nel XV secolo si suddivise nell’ Orda Ногайскую e nel khanato Siberiano. Fino al XVI secolo le tribù altaiche rimasero sotto il potere dei kanati che si susseguivano.

 

Risultati immagini per Золотоордынское

 

L’adesione alla Russia

La sconfitta del khanato Siberiano durante la conquista della Siberia da parte di Ermak nel XVI secolo – militare russo cosacco, comandante delle truppe che invasero il khanato di Sibir tra il 1579 e il 1585 ed esploratore della Siberia – segnò l’inizio dell’espansione russa in quelle regioni e l’inizio dell’annessione delle tribù siberiane, tra cui gli altaici, alla Russia.

Tuttavia le tribù dell’ ovest della Mongolia, approfittando dell’assenza di adeguate difese dopo le conquiste della Russia delle terre siberiane, continuarono a razziare le tribù degli Altai. Avvertendo in un secondo tempo la crescente superiorità delle forze russe, i mongoli decisero di ritirarsi, ma non senza avere con forza fatto prigionieri la maggior parte degli altaici. Rimasero in pochi, qualcuno riuscì a rifugiarsi sulle montagne e nelle foreste. Nel 1756 gli  altaici riuscirono a liberarsi, tornarono negli Altai e volontariamente entrarono a far parte della Russia.

Oggi delle popolazioni indigene in Altai sono sopravvissuti gli altaici, che sono divisi in due gruppo: altaici del sud (telenghiti, teleuti) e altaici del nord (cumandini, tubalari).

I telenghiti vivono nella zona di Ulagan, presso il lago Teleskoe, il fiume Chulyshman ed il suo affluente Bashkaus. Secondo il censimento del 2002 i telenghiti erano 2.368. Credenze –sciamanesimol’ortodossia, бурханизм.

I teleuti risiedono principalmente nella regione di Kemerovo sul territorio di Belovo e Gur’evsk. Il numero di teleuti al censimento del 2002 era di 2.534 nella regione di Kemerovo e 32 nella città di Gorno Altai.

I cumandini vivono nella Regione degli Altai lungo il fiume Biya nelle zone di Biysk, Crasnogorscii, Солтонском. La popolazione ammonta a 1.663 persona; nella zona di Турочакском, nella Repubblica di Altai – 931 persone; nella regione di Kemerovo – 294.

I tubalari vivono nella zona di Čojskij, nella Repubblica di Altai. La popolazione conta 1.533 persona.

 

Credenze – sciamanesimo, бурханизм, l’ortodossia.